TERRORISMO O INFORMAZIONE TERRORISTICA? Osama e la rivincita di Obama

Pubblicato il da Limen23

Eccoci, dopo 10 anni, inaspettatamente, il 2 maggio 2011, giunge su tutti i telegiornali la notizia che molti aspettavano e forse si aspettavano: Bin Laden è stato preso, catturato, anzi, addirittura ucciso, sembra addirittura che ci sia una foto dell’uomo ormai morto, inerte col volto sfregiato; e sembra addirittura che il suo corpo sia stato disperso, distrutto…

Ma cosa è successo?

Tutte le televisioni hanno passato questa giornata parlando solo della morte di quello che sarebbe il capo organizzatore delle cellule terroristiche di tutto il mondo, colui che avrebbe organizzato l’assalto alle Twin Towers del’11 settembre 2001 ed organizzato tutti gli attentati mondiali successivi: eppure, se facciamo un rapido  riassunto dei contenuti dei servizi trasmessi ci accorgiamo che le certezze sono ben poche e che, anzi, sembrano esserci decisamente molti dubbi sull’evento, fatti che non combaciano, informazioni discordanti.

Abbiamo sempre sentito parlare di nascondigli segreti nei meandri delle caverne nascoste in mezzo al deserto, circondati e protetti da sentinelle numerose, ed invece Bin Laden, secondo quanto riferito dai media,  se ne stava nella tranquillità della propria regale villa, con mogli e figli, solo e disarmato.

Secondo le affermazioni della presidenza americana l’ordine era di uccidere Bin Laden, non di catturarlo: ma una volta eseguito l’ordine, anziché pensare ad una verifica genetica che potesse provare l’identità dell’uomo più ricercato al mondo, soldati addestrati, presumibilmente esperti e professionali, avrebbero pensato bene di liberarsi del corpo gettandolo in mare: se consideriamo che per raggiungere il mare sarebbe stato necessario attraversare Pakistan ed Afghanistan, ciò potrebbe sembrare un  atteggiamento decisamente “strano”, o almeno insolito per chiunque voglia provare un evento del genere. Quale stato o statista eliminerebbe la prova decisiva per i suoi meriti? Credo Nessuno.

La situazione diviene ancora più curiosa se consideriamo che tutto ciò  avviene proprio mentre il presidente USA sta iniziando la preparazione della prossima campagna elettorale, mentre il primato socio-economico statunitense ed occidentale appare critico e soppiantato da nuove potenze emergenti che rischiano di strappare loro il primato di super potenza: insomma, proprio mentre il “Mito americano”, assieme al suo presidente, mostra un certo decisivo calo di apprezzamento, dopo il suo poco vittorioso insediamento.

In soli due giorni sono state divulgate tante teorie, opinioni e smentite che portano solo ulteriori dubbi e confusione, impedendo di comprendere la realtà dei fatti a chiunque desideri “sapere”: un malpensante potrebbe quasi pensare che in questo modo “qualcuno”  voglia appositamente divulgare una miriade di informazioni diverse proprio per far perdere il filo logico del fatto, la Verità. O ancora, il solito scettico, potrebbe credere che tutto questo potrebbe servire a giustificare eventuali atti terroristici, magari falsi, già annunciati al mondo dai diplomatici e dai politici come ritorsione all’uccisione di Osama. Insomma, chi sono i veri terroristi? Quelli mascherati o quelli mediatici?

Noi possiamo solo fare Teorie: sarà il Tempo a rivelare la Verità. Resta in ogni caso il fatto che la parola Terrorismo e la mitica figura del cattivo Bin Laden (grande socio finanziario ed economico degli USA e delle compagnie petrolifere statunitensi) siano nate assieme e che da allora il mondo arabo e mediorientale sia divenuto un ente-portatore dei Mali mondiali ; ovviamente ognuno, con la propria Coscienza, avrà l’animo di credere o non credere alla tv ed ai media: lasciamo maturare in ogni Singolo la Propria Verità.

 

Un caro abbraccio a Voi Tutti, Limen & Staff

 


 

Con tag Attualità

Commenta il post